Malattie sessualmente trasmissibili

Il gruppo delle Malattie sessualmente trasmissibili (MST) sono più frequentemente dovute a microorganismi trasmessi per via sessuale (virus, batteri, funghi e parassiti) come:

  • Neisseria gonorrhea: batterio responsabile della gonorrea (detta anche scolo o blenorragia);
  • Treponema pallidum: batterio responsabile della sifilide;
  • Chlamydia trachomatis: batterio responsabile di uretriti, cerviciti e malattia infiammatoria pelvica;
  • Trichomonas vaginalis: protozoo flagellato (organismo unicellulare) responsabile della tricomoniasi;
  • HPV (Human PapillomaVirus): alcuni tipi (16, 18, 31, 33, 45, 52 e 58) possono causare il cancro del collo dell'utero, mentre altri ceppi sono responsabili dei condilomi acuminati;
  • HSV (Herpes Simplex Virus): alcuni tipi (l'uno ed in particolare il due) sono responsabili dell'herpes genitale.

Secrezioni Vaginali Anomale:

  • perdite giallognole e cremose (infezione gonoccocica);
  • perdite vaginali schiumose, maleodoranti e di color verde-giallo, associate a pruriti ed irritazioni (Trichomonas);
  • perdite bianche, grigiastre, schiumose, di odore fetido specialmente dopo i rapporti sessuali o l'igiene intima(vaginosi batterica, Gardnerella vaginalis);
  • perdite vaginali modeste ben aderenti alle pareti, associate a pruriti e bruciori intensi, bianche e di consistenza caseosa, simile ad un (Candidosi);
  • perdite vaginali muco-purulente, associate a dolori durante i rapporti sessuali (Clamydia,Ureaplasma urealyticum).

Contagio:

Avviene durante rapporti sessuali di varia natura (genitale, oro-peniena, oro-vaginale, anale) con contatto diretto di liquidi infetti, come sperma, secrezioni vaginali e sangue perduto da piccole lesioni. AIDS e del virus dell'epatite B, possone essere contratti anche per lo scambio di siringhe nei tossicodipendenti, queste malattie veneree possono essere trasmesse anche tramite l'uso promiscuo di rasoi od oggetti da taglio non ben sterilizzati (ad esempio per interventi chirurgici o tatuaggi). Altri microorganismi (epatite A, shigella, salmonella, Giadia lamblia) possono essere trasmessi per via orofecale (ingestione di alimenti contaminati), ma anche durante rapporti sessuali di natura oro-anale e genito-anale (inclusa la condivisione di giocattoli sessuali non adeguatamente sterilizzati o protetti da un preservativo). Il Cytomegalovirus e l'Epstein barr virus possono essere trasmessi sia attraverso contatti sessuali che tramite un semplice bacio (la saliva è un veicolo di infezione).

Sintomi:

Sono a volte asintomatiche perchè il sistema immunitario riesce a confinare il patogeno; in altri casi (HPV e HIV) impiegano molto tempo per produrre i primi sintomi. Altre malattie, invece, hanno tempi di incubazione più brevi che ne facilitano un tempestivo riconoscimento.

In generale, i sintomi possono essere: perdite ed insoliti sanguinamenti vaginali al di fuori delle mestruazioni, dolore o bruciore durante la minzione, dolore o fastidio durante i rapporti sessuali, pruriti, irritazioni, arrossamenti e bruciore agli organi genitali, bolle, ulcere o vescicole più o meno dolenti nell'area genitale, orale o rettale, ingrossamento dei linfonodi inguinali, febbre, dolore genitale e/o pelvico, infertilità, ascessi inguinali.

Prevenzione:

Norme generali di prevenzione delle malattie veneree

  • Usare costantemente il preservativo durante ogni rapporto sessuale indipendentemente dall'utilizzo o meno di altre forme di contraccezione (pillola, spirale).
  • Limitare il numero di partner sessuali.
  • Recarsi prontamente dallo specialista  appena compaiono sintomi anche subdoli o sussista anche il minimo sospetto di infezione dopo rapporto sessuale a rischio.
  • Durante la terapia è fondamentale evitare rapporti sessuali non protetti
  • Eseguire uno screening per malattie sessualmente trasmesse almeno una volta all'anno
Inizio pagina